IL GIOCO DI ZODIAC: Q-Q!

Segue la spiegazione dell’indovinello di Zodiac contenuto nell’Halloween Card (una delle tante lettere inviate dal Killer dello Zodiaco fra gli anni ’60 e ’70 in California).
Dalle decifrazioni risulta che Zodiac ha inserito nelle sue lettere il nome e il cognome del testimone del processo Mostro di Firenze, Giuseppe Bevilacqua – ex agente del CID e funzionario americano dell’ABMC in Italia.

card.jpg

La mamma sta nascondendo gli occhi con le mani. Il bambino la guarda incuriosito. Poi lei toglie le mani all’improvviso: “Cucù”. Chi in Italia non conosce questo gioco? Il “gioco del cucù” è un gioco dell’infanzia che abbiamo fatto o “subito” tutti. E lo conosceva anche il Killer dello Zodiaco. Sia nella versione inglese “Peek a boo” sia nella versione italiana: sulla pronuncia di “cù” (che in italiano è identica al suono “Q”) infatti è costruito l’intero indovinello diZodiacdel 27 ottobre 1970.

L’HALLOWEEN CARD
Il 27 ottobre 1970 il giornalista del San Francisco Chronicle Paul Avery (che Zodiac chiama “Averly“) riceve la cartolina qui sotto. E’quasi interamente disegnata da Zodiac (compreso lo scheletro).
Il tema della cartolina – letto cosa dice Zodiac – evidentemente è ancora il suo nome: “Lo sento nelle mie ossa, volete conoscere il mio nome, quindi vi darò un indizio…”.
Nella quarta pagina si legge questo…

retro

“PARADISO DEGLI SCHIAVI” è scritto con il termine desueto e quasi errato “paradice”, con una “C” invece di una “S”. Zodiac ha già usato errori grammaticali o i termini “strani” per fornire intenzionalmente degli indizi (come CID al posto di “kid” o cerous invece di “curious”, nella lettera del 20 aprile 1970).
Se si fa attenzione, oltre alla “C” di Paradice si noteranno altri due particolari che portano alla soluzione completa dell’indovinello. Si trovano sulla linea verticale “BY KNIFE”.

IL GIOCO DEL CUCU’
Prima di arrivare alla conclusione a pagina 4 della cartolina, bisogna aprirla e guardare pagina 2 e 3. E questo è ciò che troviamo.

aefa

In questo articolo si spiega perché lo scheletro sia in quella posizione e qual è il significato del simbolo al di sotto di esso (gli altri sono l’iniziale di Zodiac e la sua croce celtica). Qui invece si spiega perché indossi una maschera rossa.
Resta da spiegare tutto il resto…
Innanzitutto “BOO!” salta subito “all’occhio”.  Dietro lo scheletro troviamo una frase: “… Ma, dunque, perché rivelare il mio gioco!”. Di quale gioco sta parlando Zodiac? La risposta la fornisce l’uccello sulla sinistra (è tutto disegnato da Zodiac, a parte uno dei tredici occhi e lo sfondo). L’uccello è chiaramente contornato da una frase a forma di “Q”. “Cucù, siete spacciati” dice. Di quale pennuto si tratta?

QQ (2)
Gli occhi sono 13. Possono rappresentare sia le vittime di Zodiac sia i 13 simboli della cosiddetta “My name is – letter” di qualche mese prima, che la polizia stava cercando di decifrare.
La soluzione all’indovinello (che è un grande aiuto per l’individuazione di Zodiac) è il gioco di Zodiac. The game is: “cucù”, cioè il gioco della lettera Q. Zodiac sta giocando sulla pronuncia italiana della lettera Q (vedi qui). Cucù e QQ, infatti, in italiano hanno lo stesso suono.
Al di fuori di questa cartolina si trovano due conferme dell’importanza della lettera Q per Zodiac e del suo utilizzo.

1. La Q rovesciata è il simbolo più utilizzato nel primo cipher inviato da Zodiac.
2 Come è possibile osservare nell’immagine sottostante – dove sono presenti tutte le Q scritte da Zodiac nella sua annosa corrispondenza – il killer ha sempre avuto una singolare premura nei confronti di questa lettera (e solo di questa): quella di confonderla. Ciò si spiega come la preoccupazione da parte di Zodiac di evitare una possibile identificazione attraverso il materiale più semplice da reperire per la polizia: una firma.

Letter Q Zodiac

UNA Q ROVESCIATA
Nell’ultima pagina della sua cartolina Zodiac fa tre cose insolite: usa di nuovo la parola Paradice (con la C invece della S), isola una B e, soprattutto, rovescia una N. Perché lo fa? Zodiac in prima pagina ha citato il ballo del Twist, proprio per suggerire come arrivare alla soluzione: bisogna “girare e girare” le lettere. In terza pagina, Zodiac ha disegnato uno scheletro nella posizione della Jay capovolta e ha girato la lettera fenicia corrispondente (Yodh) per “cifrare” il suo misterioso simbolo (che significa appunto Jay). Ma qui, che senso ha avere girato la N?

N flipped Zodiac

 

Di fianco alla “C” di paradice, sulla stessa riga della “N” rovesciata troviamo un “p”. Al rovescio, la P diventa una Q.

Q letter Zodiac Killer

 

A soluzione completa, si capisce perché il killer abbia deciso di copiare la copertina del fumetto di Tim Holt, tralasciando soltanto la morte per acqua. Forse è proprio quando stava disegnando la quarta pagina della sua cartolina che si è reso conto che gli mancava semplicemente una lettera, rara nella lingua inglese, per avere tutte le lettere del suo nome e cognome. O forse voleva semplicemente rafforzare la soluzione del gioco. In ogni caso, con il “twist” della P e con la C di Paradice, Zodiac ha ottenuto la CQ di “acqua“.
Dalla soluzione dell’indovinello della cartolina si deduce che:

1. La Q: fa parte del nome che Zodiac ha inserito nella lettera del 20 aprile 1970.
2. La J: è una delle iniziali utilizzate dal killer.
3. La lingua italiana: Zodiac ha un legame con essa; conosce la pronuncia della lettera Q e il gioco del Cucù.

Infine bisogna sottolineare che nell’ultima pagina dell’Halloween Card non si trovano i nomi né di Arthur Leigh Allen né di Richard Joseph Gaikowski né di Richard Marshall e di nessun’altro sospetto Zodiac, in una lista di dieci, a parte Bruce Davis, il cui nome – in ogni caso – non ha alcuna lettera “Q”. E nessuno di essi si attaglia a spiegare la scelta di Zodiac di utilizzare come firma, anche in questa cartolina, l’acqua (vedi Tim Holt).

4pag

Questa voce è stata pubblicata in Ostello Volante e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IL GIOCO DI ZODIAC: Q-Q!

  1. Pingback: ZODIAC KILLER. IL NOME INIZIA CON JAY E G | Il Mostro di Firenze

  2. Pingback: Death by water. Zodiac e Bevilacqua | Il Mostro di Firenze

I commenti sono chiusi.