La teoria dell’acqua

Nell’ottobre 1969, il giornalista del Los Angeles Times Dave Smith scrive:

“Il dr. Leonti Thompson, uno psichiatra del Napa State Hospital 15 miglia a nord di Vallejo ha individuato vari differenti significati nella firma a croce solare dell’assassino. In una cultura primitiva rappresenta la terra; in un’altra, l’antica nozione dei quattro elementi che formano il mondo: terra, aria, fuoco e acqua. E ancora, un altro simbolo, la “X”, rappresentava l’acqua nell’alfabeto del leggendario continente di Mu. ‘E i delitti avvengono sempre vicino all’acqua,’ teorizza Thompson.”

Dave Smith, Zodiac Killer, chilling portrait of madness, Los Angeles Times, 15 ottobre 1969, p. 126

Lake Berryessa, uno dei luoghi dove Zodiac aggredì le sue vittime

Robert Graysmith riprende la constatazione di Thompson nel 1986:

“Pensai che fosse strano che tutti gli omicidi fino a quel momento fossero avvenuti in luoghi che avevano una forma d’acqua nel loro nome: Lake Herman Road, Blue Rock Springs, Lake Berryessa e Washington Street, che era abbastanza vicina a Lake Street.”

Robert Graysmith, Zodiac, p. 146

Sia il dottor Thompson sia Graysmith sottolineano la strana peculiarità dei riferimenti all’acqua nelle scene del crimine di Zodiac. Non si tratta semplicemente di “luoghi vicini all’acqua”, ma di località che in qualche modo ne prendono il nome.
Nel film “Zodiac” diretto da David Fincher, questa serie di osservazioni viene chiamata la teoria dell’acqua.
Ne avevo parlato due anni fa, nel primo articolo sulla connessione Mostro-Zodiac su tempi.it. Da allora, l’ho approfondita, fino a elaborare l’elenco che troverete di seguito.

c
Pubblicità dello “Zodiac Sea Wolf” – 1966. “Un orologio da sub? L’unica volta che sono sott’acqua è nella doccia”

Non solo le scene del crimine

Anche le postazioni delle due cabine telefoniche da dove Zodiac chiamò la polizia sono ubicate in luoghi con nomi afferenti all’acqua. Inoltre, l’assassino menzionò l’acqua anche in molte delle svariate lettere che inviò alla stampa. Il suo stesso nomignolo deriva da una marca di orologi, la Zodiac, che all’epoca dei suoi misfatti decantava nelle réclame le proprietà subacquee del modello Sea Wolf (immagine in alto).

Elenco dei riferimenti all’acqua di Zodiac

1. Riverside, lungofiume, 30 ottobre (scena del crimine – articolo e lettere del 29 novembre 1966 e del 30 aprile 1967);
2. Orologi per sub Zodiac, probabilmente Sea Wolf, lupo di mare, anni ‘60 (pubblicità);
3. Lake Herman Road, lago, 20 dicembre 1968 (scena del crimine);
4. Blue Rock Springs, sorgenti, 4 luglio 1969 (scena del crimine);
5. Incrocio fra Springs Road (sorgenti) e Tuolumne Street (stazione di servizio “Joe’s Union”), Vallejo, 5 luglio 1969 (cabina telefonica);
6. «Water hose», tubo dell’acqua, 4 agosto 1969 (lettera);
7. Lake Berryessa, lago, 27 settembre 1969 (scena del crimine);
8. «I am drownding» (sic), sto annegando, 20 dicembre 1969 (lettera);
9. «Blue meannies» (sic), i cattivi blu, “Yellow Submarine“, sottomarino giallo (The Beatles), 20 aprile 1970 (letterapossibile riferimento);
10. «I was swamped out by the rain», sono stato sommerso dalla pioggia, 20 aprile 1970 (lettera);
11. «I shall listen to their pleass for water», li ascolterò implorare per l’acqua, 26 luglio 1970 (lettera);
12. «I am crack proof», io sono (water?) crack proof, 5 ottobre 1970 (cartolina);
13. «By fire, by gun, by knife, by rope», per fuoco, per pistola, per coltello, per corda. Zodiac omette “by water”, per acqua. 27 ottobre 1970, cartolina, (soluzione basata sulla copertina di Tim Holt n. 30 scoperta da Tahoe27 e pubblicata qui);
14. «I am crack proof», io sono (water?) crack proof, 13 marzo 1970 (lettera);
15. «Blue meannies (sic)», i cattivi blu, Yellow Submarine (The Beatles), sottomarino giallo, 13 marzo 1970 (letterapossibile riferimento);
16. «He plunged himself into the billowy wave and an echo arose from the suicide’s grave», sprofondò se stesso nell’onda ondosa e un’eco emerse dalla tomba del suicida (citazione tratta dal “Mikado” di Gilbert & Sullivan), 27 gennaio 1974 (firma finale nella sua ultima lettera).

Mostro di Firenze

17. Si è scoperto di recente (vedi qui) che il riferimento all’acqua c’è anche nell’unica comunicazione “scritta” attribuita al Mostro di Firenze, la lettera inviata al sostituto procuratore Silvia Della Monica dopo il delitto del settembre 1985.
Sul plico c’era una sola parola ritagliata per intero, “DELLA“, che è risultata indispensabile per l’individuazione del settimanale, il numero 51 di Gente del 1984.
Il Mostro l’aveva prelevata dal titolo di un articolo di Piero Chiara:

«Care dolci acque non vi riconosco più: qui è finito il sogno della mia infanzia»

Dallo stesso titolo, l’assassino ritagliò altre due lettere: la Z (di… Zorro?) e la lettera finale di “FIRENZE”, la E di «acque».

Zodiac Monster of Florence Chiara water Riferimenti a wash, “lavare”
1. Washing line, corda stendibiancheria, 27 settembre 1969 (corda utilizzata nell’agguato di Lake Berryessa);
2. Napa Car Wash e Sam Kee Laundry, autolavaggio vicino a una lavanderia, 27 settembre 1969 (collocazione della cabina telefonica da cui rivendicò l’agguato al Lake Berryessa);
3. Washington street, 11 ottobre 1969 (scena del crimine);
4. «Washington street», 13 ottobre 1969 (lettera);
5. «I’ve just washed my pen», ho soltanto lavato la mia penna, 8 novembre 1969 (cartolina).
6. «Paul Averly», lavsottolineato, 27 ottobre 1970, (cartolina di Halloween, busta)

Lav…are?
Zodiac sottolinea le lettere LAV sulla busta della cartolina di Halloween (27 ottobre 1970). Perché?

Nel Collins Italian College Dictionary (1991), la maggior parte delle parole che iniziano con LAV ha un collegamento con il verbo “lavare”, to wash.
Si tratta di un indizio sulle origini italiane di Zodiac, non solo sulla sua ossessione.
Nel contesto dell’indovinello dell’Halloween card, questa sottolineatura fornisce una conferma della soluzione (che è in lingua italiana).