Zodiac Killer. La decifrazione del nome

English

Versione del 2020 aggiornata

Nell’estate 2017, ho conosciuto un uomo di nome Joe Bevilacqua.
Joe era un italo-americano di 81 anni originario del New Jersey. Nella sua carriera ventennale nell’esercito degli Stati Uniti, aveva ricoperto il ruolo di istruttore chimico e investigatore del CID. Nella guerra in Vietnam era stato insignito della Silver Star Medal e di altre onorificenze al valore.

[Per la seconda parte, cliccare qui]

Nel 1994, Joe testimoniò al processo Pacciani sul caso “Mostro di Firenze”. Al tempo degli omicidi, risiedeva infatti nella zona di attività del serial killer e l’ultimo delitto avvenne vicino a casa sua, il cimitero di guerra Americano di Firenze, dove lavorava come direttore.

Un pomeriggio di agosto, mentre eravamo sul balcone di casa sua, un appartamento affacciato sull’Autostrada del Sole e sulle colline del Chianti, gli mostrai una copia della prima pagina della lettera di Zodiac con l’identità criptata del serial killer.
Joe prese la lettera e iniziò a leggere ad alta voce, traducendo ogni riga in italiano. Quando raggiunse i tredici simboli, sorrise: “Lasciamo perdere”. Giunto alla riga sottostante si fermò.

“Io sono moderatamente ceroso…”
“Strana questa frase…”, disse. “Perché invece di ‘curioso’ ha scritto ‘ceroso’?” Il tono di Joe lasciava intendere che quel refuso potesse avere una certa rilevanza.
Solo alcune settimane dopo, chiedendomi il perché di quella sottolineatura da parte del mio anziano “suggeritore”, mi resi conto che forse era una chiave per la soluzione del rebus (vedi capitolo L’acqua).

Notai un altro dettaglio, durante i primi tentativi di decifrare il messaggio. Nell’edizione del 1988 del dizionario inglese di Oxford, il vocabolo “Aeneid”, Eneide, e il personaggio principale del poema di Virgilio, “Aeneas”, Enea, erano le uniche parole citate che iniziavano con “Aen”[1], come il testo cifrato di Zodiac. Poteva esserci un collegamento?
Avrei scoperto che questo classico della letteratura era utile a disvelare un “travestimento” del serial killer più di quanto non facesse con il suo “nome” (vedi capitolo Prendi i soldi e scappa).

I riferimenti utilizzati da Zodiac per costruire il testo cifrato

This image has an empty alt attribute; its file name is zodiacs-name-cipher-references.png

Dopo tre anni, ritengo di essere giunto a individuare tutti i pezzi del metodo di codifica delle 13 lettere criptate da Zodiac. Si vedrà che, a parte simboli e termini antichi, i riferimenti utilizzati dall’autore del messaggio per cifrare il proprio nome erano popolari all’epoca della stesura del messaggio.

Link alla lettera (campioni dell’FBI)

Busta

Pagina 1

Pagina 2

Come è costruito il testo cifrato

Il nome di Zodiac non è criptato con un codice a sostituzione. I simboli fanno parte di un gioco enigmistico.

Il mio nome è –

?

Sono moderatamente ceroso di sapere quanti
soldi avete sulla mia
testa ora.

Zodiac, lettera del 20 aprile 1970

Il testo cifrato

Nella lettera al San Francisco Chronicle del 20 aprile 1970, Zodiac affermava di avere criptato il proprio nome nella riga di 13 simboli riportata sulla prima pagina. Immediatamente dopo aver ricevuto questa comunicazione, il dipartimento di polizia di San Francisco chiese all’FBI di decrittare il codice. Gli specialisti del Bureau non ne furono in grado[2]. Il testo era troppo breve.
L’agenzia dell’intelligence militare Army Security Agency e la Criminal Investigation Division erano del parere che Zodiac avesse ricevuto una formazione militare in criptoanalisi[3]. Se fosse stato vero, l’autore avrebbe dovuto sapere che il messaggio di 13 simboli non poteva essere “craccato” senza indizi simili a quello che, qualche mese dopo, avrebbe inserito nella sua carta di Halloween[4](la lettera Q, secondo la soluzione che ho pubblicato qui).

“L’ASA e la CID del Presidio di San Francisco sono dell’opinione che probabilmente il soggetto di questo caso sia stato addestrato in criptoanalisi dai militari statunitensi.”

Estratto del telegramma dell’FBI sull’addestramento militare di Zodiac

ALLA RICERCA DI INDIZI

Nella prima pagina della lettera, Zodiac chiede ai lettori se hanno trovato la soluzione del testo cifrato precedente. Dice di essere “ceroso” – invece di curioso – di conoscere l’ammontare della sua taglia. Soprannomina i poliziotti “blue meanies (sic)”, come gli antagonisti dei Beatles nel film “Yellow submarine”, il sottomarino giallo. Aggiunge di non essere l’autore di un recente attentato a una stazione di polizia, sebbene ci sia “più gloria” nell’uccidere un poliziotto invece di un “cid” – storpiatura di kid” bambino.
Zodiac afferma di essere stato recentemente “sommerso dalla pioggia” (che cosa vuol dire?). Nella precedente lettera a Melvin Belli ha detto: sto annegando. Vuole suggerire che abita in un luogo poco asciutto?

Nella seconda pagina, l’autore del messaggio abbozza lo schizzo di una bomba che minaccia di far esplodere, descrivendone il funzionamento.


1. ANETHEKE

Il primo blocco del codice è costituito a partire da un’antica parola greca in lettere maiuscole effigiata nel libro “The Alphabet” di Frederic W. Goudy, ANETHEKE, eretto (o dedicato), riconoscibile per la particolare forma della Theta, simile a una croce solare. È un’iscrizione del tempio di Poseidone situato a Capo Tenaro, in Laconia, Grecia[5] (questa scoperta è stata pubblicata per la prima volta dal sito web zodiackiller.com).
Zodiac apporta tre modifiche all’iscrizione originale. Traspone N ed E, inserisce una croce solare al posto della Theta, sostituisce la seconda e la terza E con un 8 cerchiato.

La parola ANETHEKE in The Alphabet corrisponde alla struttura della prima parte del testo cifrato con poche differenze

Il nome e il simbolo che Zodiac utilizza per firmarsi sono stati probabilimente copiati dal marchio di orologi “Zodiac”.
Il prodotto più pubblicizzato della Zodiac alla fine degli anni ‘60 era l’orologio subacqueo Sea Wolf, reclamizzato nel 1967 così:

“Un orologio da sub?
L’unica volta che sono
sott’acqua è
in doccia.”
[6]

La somiglianza fra la Theta nell’iscrizione del tempio di Poseidone e la croce solare può spiegare perché l’autore del testo cifrato abbia sostituito l’una con l’altra.
Per la sua importanza simbolica, la croce solare potrebbe cifrare un’iniziale.

Logo della Zodiac Watches

L’archeologo James Whitley, Cambridge University, spiega così come venga tradotto in inglese il vocabolo “anetheke”:

“Nell’Antichità molti oggetti votivi recavano iscrizioni. Alcune volte c’era il nome della divinità a cui essi erano dedicati. Sovente, comunque, era costituita da una particolare formula: il nome di colui che dedicava, seguito dal verbo “set up (anetheke), seguito dal nome della divinità in caso dativo.”

James Whitley, The archaeology of ancient Greece, p. 140

Il motivo per cui Zodiac ha usato la parola ANETHEKE nel suo codice è legato al modo in cui il codice è costruito. In effetti, questa antica parola greca si traduce in inglese con la parola “set up”[7], cioè lo stesso verbo che l’autore del codice ha usato a pagina 2, nel preambolo della spiegazione sulla “messa a punto” della “bomba”.

Quello che Zodiac intende suggerire sfruttando ANETHEKE e il verbo “set up” potrebbe essere: “My name is – set up like this”. “Il mio nome è – messo a punto così”.
Il sottostante schema con il sole, la strada e l’autobus potrebbe indicare il metodo per decrittare il “My name is-cipher”.

Metodo di decifrazione indicato da Anetheke

“La luce del sole nel primo mattino”, scrive Zodiac. Le frecce rappresentano i raggi solari che attivano il meccanismo di detonazione

2. Let the sunshine in – Lascia entrare la luce del sole

La frase “the bomb is set up like this”, la bomba è messa a punto così, basato sulla connessione ANETHEKE – set up, suggerisce che il nome di Zodiac sia stato “messo a punto” come indica lo schema della bomba.
Se si sovrappone il disegno sul testo cifrato (si può ricalcare su carta da lucido) come nell’immagine in basso, posizionando il cerchio solare sulla I di “is”, le frecce indicheranno uno spazio vuoto sotto il simbolo e prima della parola “cerous”, con il bus che si troverà appena al di sotto del testo cifrato.

La decrittazione di E, I e l’individuazione della parola chiave ICE, ghiaccio

Spostando lo schema della bomba lungo il testo cifrato (si può anche usare Microsoft Paint o un programma analogo), in corrispondenza dei simboli ⑧ si individuano tre possibili traslazioni che consentono di iniziare la decifrazione.

Puoi farlo usando l’immagine a questo link

I ed E
La settima lettera del testo cifrato è una I, che viene riportata sotto il simbolo decrittato.
Spostando orizzontalmente il disegno in corrispondenza del primo , la quinta lettera risulterà una E.

Ice
Lo spostamento virtuale del vettore “bus” lungo il percorso disegnato da Zodiac mette in evidenza le lettere decrittate come il prodotto della “collisione” fra il bus e la prima delle due frecce provenienti dal sole.
Nel caso del terzo , come indica la seconda freccia (in rosso), se il trattino viene traslato sulla parola “cerous”, si ottiene l’elisione di “rous”, che, accoppiata con la proiezione della “i”, genera la parola ICE, ghiaccio.
L’applicazione di questo procedimento spiega perché Zodiac abbia storpiato una parola di uso comune che difficilmente poteva non conoscere, “curious”, curioso, in “cerous”, ceroso.
La parola chiave ICE può essere un suggerimento per la decrittazione del terzo .

“Lascia entrare la luce del sole”
Per quale motivo applicare il sistema di decifrazione “a raggio solare” solo al simbolo ?
Perché, immergendosi nel contesto culturale di San Francisco risalente a quando Zodiac scrisse la lettera, il sistema di decriptazione di questa parte del messaggio sembra alludere a una famosissima canzone a tema “zodiacale” dei Fifth Dimension uscita proprio in quel periodo, “Aquarius-Let the sunshine in” (Aquarius-lascia entrare la luce del sole), tratta dall’altrettanto celebre musical “Hair”, la bibbia della cultura hippy.
Il simbolo di “Hair”, ben in evidenza nella pubblicità dell’epoca è un “8”. Zodiac, potrebbe averlo copiato aggiungendoci un cerchio (il sole?) per differenziarlo da un comune “8”.


Come mai Zodiac, nel paragrafo sotto il testo cifrato, al posto di scrivere “ammontare della mia taglia”, inserisce una frase contorta che si conclude con:

“…sulla mia testa ora.”?

“Hair” significa capelli.

“Aquarius-Let the sunshine in” dei Fifth Dimension è un singolo del 1969 con cui la band americana vinse il Grammy Award per la “registrazione dell’anno”[9].

ll brano musicale del gruppo statunitense è un arrangiamento di “Aquarius” e “Let the sunshine in”, due canzoni entrambe tratte da “Hair” (capelli)[10], che era in scena al Geary Theatre, a San Francisco, a pochi passi dall’angolo della strada in cui Zodiac salì sul taxi guidato da Stine[11], lo stesso giorno in cui venne ucciso, l’11 ottobre 1969[12].

Nel 1969-1970, il musical pacifista ebbe talmente successo (così come “Aquarius-let the sunshine in” dei Fifth Dimension) che era ancora in scena a San Francisco, al teatro Orpheum, quando Zodiac spedì il suo nome cifrato[13].

Sui manifesti di “Hair” erano raffigurate due facce speculari a forma di 8. Lo stesso simbolo in posizione orizzontale compare sopra la “i” di “Hair” anche nelle pubblicità[14].

“Data: 11 ottobre 1969 – sabato
Ore: 21. 55
Vittima: Paul Stine, maschio caucasico, 29 anni (taxista della Yellow Cab)
Luogo: Washington e Cherry Streets, San Francisco. La vittima ha fatto salire l’aggressore all’incrocio fra Mason e Geary Street.”

Department of Justice, rapporto speciale sugli omicidi di Zodiac, 1971

La notte dell’omicidio di Paul Stine, “Hair” era in scena al Geary Theatre, che distava 40 metri dall’incrocio dove Zodiac salì sul taxi della vittima

Donna
“Let the sunshine in” è l’ultimo brano cantato nel musical “Hair”, mentre la prima canzone è “Aquarius”, seguita da “Donna”, stesso nome di una possibile vittima di Zodiac scomparsa sulla costa del lago Tahoe, al confine con il Nevada, il 6 settembre 1970[15].
In una cartolina datata 22 marzo 1971, il serial killer sembrò alludere alla propria responsabilità nella sparizione[16].

Bisogna far notare un’importante allusione di Zodiac in riferimento a “Hair” e risalente al 5 ottobre 1970, circa un mese dopo la scomparsa di Donna Lass.
Nella cartolina in cui Zodiac rivendicava il delitto numero 13 (in basso), c’è una visibile peculiarità. Un paragrafo è capovolto.

Zodiac compose il messaggio con ritagli di giornale (non lo aveva mai fatto prima), incollandone una parte al rovescio. Per quale motivo?
La risposta si trova nelle pagine dei quotidiani di San Francisco di quel periodo utilizzati per la redazione della cartolina, conferma definitiva della bontà della pista seguita.
Nei giorni della sparizione di Donna Lass, prima dell’invio della cartolina del 5 ottobre, infatti, le inserzioni pubblicitarie di “Hair,” probabilmente per richiamare l’attenzione del lettore che le vedeva da più di un anno, apparvero con il titolo capovolto.

“Hair, il musical che ha messo sottosopra Broadway”

Un altro ritaglio sul retro della stessa cartolina, l’indirizzo “San Francisco Chronicle”, prelevato da Datebook (inserto dedicato agli eventi culturali che usciva nell’edizione domenicale in combinata con l’Examiner) è un’utile prova delle letture di Zodiac che conferma due prossime parti della decifrazione.

Lettere decifrate finora

Barrati in verde, i cambiamenti in ANETHEKE che sono stati spiegati; in rosso, i simboli effettivamente decifrati

3. L’acqua

Così come la parola ANETHEKE, anche il simbolo a forma di àncora prima di NAM proviene da una civiltà antica. Si tratta della lettera brahmi “Ya”.

Setacciando le pubblicazioni antecedenti al testo cifrato su Internet (a partire da Wikipedia), questa lettera si trova accompagnata da un simbolo simile all’⑧ di Zodiac unicamente in una raffigurazione di un antico sigillo di Harappa apparsa su un vecchio libro.

Il sigillo di Harappa

“Questo manufatto è un sigillo di pietra nera rinvenuto dal Maggiore Clark nelle rovine di Harappa nel Punjab. Su di esso è incisa in profondità la figura di un toro senza corna che guarda a destra, con un simbolo sulle spalle, un secondo simbolo e una stella sotto il suo collo. Sopra il toro c’è un’iscrizione di sei caratteri sconosciuti che, a prima vista, ho ritenuto non essere indiani, ma che ora ritengo possano essere lettere indiane arcaiche risalenti all’epoca dello stesso Buddha.”

Alexander Cunningham, Corpus Inscriptionum Indicarum, p. 61

La litografia del sigillo sormontato da quattro simboli brahmi fu pubblicata nel “Corpus Inscriptionum Indicarum” (corpo di iscrizoni dell’India) dell’archeologo Alexander Cunningham[17].
La YA utilizzata da Zodiac nella sua riga di 13 simboli fa parte del nome “Lachhmiya”, un tentativo di traduzione degli sconosciuti simboli da parte di Cunningham.

I simboli MI e YA richiamati dal testo cifrato

MI e YA spuntano anagrammate nelle prime due lettere al di sopra e al di sotto del messaggio cifrato: “My” e “I a”. I rispettivi simboli brahmi, cioè il “quasi 8″ (cerchiato come il simbolo di “Hair”) e “l’àncora”, sono individuabili nel testo cifrato nello stesso ordine in cui sono stati trovati nel libro di Cunningham.

Alcuni mesi dopo l’invio del nome cifrato di Zodiac, una cartolina di Halloween firmata dal serial killer giunse sulla scrivania di Paul Avery, il giornalista del Chronicle che ne seguiva le infami gesta. Su quella cartolina compariva un nuovo e misterioso simbolo che gli studiosi del caso hanno messo in relazione con il marchio di bestiame di Red Ryder, protagonista dell’omonimo fumetto western, apparso sulla copertina del numero 15.
Forse è un indizio.
I due simboli citati, evidenziati sotto in rosso, hanno infatti qualcosa in comune. In entrambi i casi, si riferiscono a un “marchio” su un toro.

A destra, il marchio di bestiame raffigurato sulla copertina di Red Ryder n. 15 e il simbolo disegnato da Zodiac nell’Halloween card

Perché Zodiac si ispirò al sigillo di Harappa?
Il serial killer scribacchino leggeva fumetti western, ascoltava musica popolare, andava a teatro, al cinema e, evidentemente, frequentava gli angoli più polverosi delle biblioteche. Solo tre lettere separano la C di Cunningham e la G di Goudy, autore di “The Alphabet”. Zodiac potrebbe aver pescato le loro opere dallo stesso scaffale della sezione “archeologia”, in qualche università di San Francisco o nei dintorni.
ANETHEKE ha un senso. Si è visto all’inizio della decifrazione. Ma perché Zodiac avrebbe scelto di richiamarsi al sigillo di Harappa in quella parte del testo cifrato? Per tradurre una lettera del suo nome con YA? Oppure il simbolo svolge una funzione analoga ad ANETHEKE? “Lacchmiya” è solo un nome. Che cosa dovrebbe indicare?

Come risolvere questo rompicapo?

Credo che sarebbe stato impossibile senza l’aiuto di Joe, l’anziano italo-americano che incontrai a Firenze nel 2017.
Ricordo che, alcuni giorni dopo quel colloquio estivo sul testo cifrato di Zodiac, mi sdraiai riflettendo su quello che mi aveva detto, ripetendomi “perché si è soffermato su ‘ceroso’? Perché ha insistito sulla sua stranezza?”
Allora, mi venne in mente un adagio dello scrittore inglese Gilbert Keith Chesterton: guardare il mondo “a testa in giù” per vedere meglio.
Capovolsi il testo cifrato e iniziai a guardare i simboli traducendoli piano piano nel nome del mio consulente: “J…o…e…B…e…v…i…l…a…c…q…u…a“. Tredici lettere come i tredici simboli del testo cifrato.
Da quella prospettiva, le lettere “lac”, che terminavano in corrispondenza del simbolo di Cunningham, stavano esattamente sotto “cerous”.
“Ceroso”, “lac”, la “seal stone” di Harappa…
E se la chiave fosse stata “ceralacca”, in inglese “sealing wax”?

I simboli MI e YA sopra la parola “cerous”

La lac
In inglese, “cerous” è correlato al metallo “cerio”[18], mentre in italiano è ampiamente utilizzato in riferimento a “cera”.
Apparentemente non c’è nesso fra il significato di “cerous” in inglese e la decifrazione. La questione cambierebbe se “cerous” derivasse dall’etimo latino “cera”, wax[19].
È possibile che “cerous” significhi “ceroso” come in italiano e in latino[20]. Con questo senso, in effetti, lo tradusse Joe.

Prendendo per buona l’interpretazione del termine “ceroso” datami dall’anziano italo-americano che ne evidenziò la stranezza, “sealing wax”[21], ossia “ceralacca”, è la più immediata combinazione di parole fra “cerous”, cioè “waxy”, e la seal stone di Harappa, il sigillo da cui Zodiac trasse il simbolo a forma d’àncora .

Il componente principale della classica ceralacca non è la cera, come si potrebbe credere, ma la “lac”[22], italianizzata in “lacca” o “gommalacca”, una sostanza resinosa che viene secretata dalla cocciniglia Kerria Lacca nel sudest asiatico, .
Nei secoli passati, la ceralacca, con l’utilizzo di un apposito “seal” , veniva utilizzata per sigillare lettere e certificare documenti[23].

LAC potrebbe essere la sequenza cifrata corrispondente ai simboli sopra “cerous”?

Se la decifrazione è corretta, il terzo , formato dal disco del sole e dall’8 di “Hair” e/o il “quasi 8” nella raffigurazione del sigillo di Harappa, implicherebbe una connessione fra la A di LAC e ICE, ghiaccio.

Quale potrebbe essere il collegamento fra la lettera A e ICE?

L’ACQUA?

La decrittazione di ILAC raggiunta con l’aiuto di Joe ed effettuata sulla base dei riferimenti lasciati da Zodiac, l’iscrizione ANETHEKE, la canzone “Aquarius-Let the sunshine in” e il sigillo di Harappa, è utile non solo a scovare il motivo per cui Zodiac abbia collegato A ad ICE, ma a individuare quasi tutta la soluzione, eventualità che certamente l’autore del messaggio non aveva previsto.
Ai giorni nostri, per riuscire a farlo, basta una ricerca online nei dataset del Census Bureau (file B).

Lista di tutti i cognomi che contengono ILAC nel censimento statunitense del 2010[24]

Con una rappresentanza di 2667 persone, che raggiunge quasi il 70 per cento del totale, il più diffuso cognome contenente la sequenza ILAC negli Stati Uniti è Bevilacqua[25].
Tale cognome, oltre a corrispondere alle lettere finora individuate e al numero di lettere rimanenti nella parte finale della decifrazione, contiene la parola italiana ACQUA[26], cioè il collegamento più elementare al termine ICE, ghiaccio e, al contempo, offre una spiegazione alla scelta di Zodiac di utilizzare la canzone dei Fifth Dimension “Aquarius-Let the sunshine in” per la cifratura di questa parte del suo nome.

La A è collegata alla parola ICE in quanto prima lettera di ACQUA, parte finale del nome di Zodiac.

Nei dati del censimento degli Stati Uniti del 2010, si scopre che anche il primato dei cognomi che terminano con la desinenza ACQUA appartiene a BEVILACQUA .
BEVILACQUA (2667 occorrenze) rappresenta più di un terzo del totale, superando il secondo in classifica, PASSALACQUA (1410), di quasi il doppio.

Evidenziato in rosso, il dato più importante: soltanto BEVILACQUA e ILACQUA fanno parte dell’insieme di cognomi che contengono la sequenza ILAC e terminano in ACQUA negli Stati Uniti[27].
Se Zodiac è un cittadino americano vivente e la decifrazione fin qui è corretta, è molto probabile che il suo cognome sia Bevilacqua (nel 2010 arriverebbe al 90 per cento circa.

Copertina dell’album dei Fifth Dimension “The age of Aquarius”


4. Qua-nam

L’ultima parte di ACQUA è QUA. Bisogna verificare se ha una collegamento con NAM.

[Per la prima parte, cliccare qui]

Fra QUA e NAM potrebbe sussistere un nesso logico simile a quanto visto con LAC, i simboli del sigillo di Harappa e “cerous”. Se così fosse, QUA e NAM avrebbero una correlazione con il sintagma sottostante, “as to how” (come, in che modo).

Consultando un dizionario latino, si scopre l’esistenza della voce QUA-NAM, che corrisponde all’unione dell’ultima parte del testo cifrato e della possibile soluzione[28].
Il dizionario cita una frase della Naturalis Historia dell’erudito Plinio.

“Come i delfini riescano a sentire, è un mistero[29]

QUA-NAM, dunque, è una parola latina che significa “come” ed è la traduzione di “as to how”, cioè del sintagma sottostante all’ultima parte del testo cifrato di Zodiac.
Sembra essere la soluzione corretta.

La frase di Plinio sui delfini, presente in quasi tutti i dizionari di Latino in cui si trova “quanam” (qui non riportati per brevità), è solo l’ultimo dei molti riferimenti all’acqua incontrati nel corso della decrittazione appositamente colorati in azzurro. Di seguito l’elenco completo:

  1. ANETHEKE, iscrizione di un tempio di Poseidone, dio del mare;
  2. L’orologio da sub “Zodiac Sea Wolf”;
  3. La parola ICE, ghiaccio;
  4. La canzone “Aquarius-Let the sunshine in”;
  5. La frase di Plinio sull’udito dei delfini.

Si è visto che la lettera contiene altri due riferimenti all’acqua in chiaro: “Blue Meanies”, che sono gli antagonisti dei Beatles nel film “Yellow Submarine”, il sottomarino giallo, e la frase: “I was swamped out by the rain”, sono stato sommerso dalla pioggia.

Questa marea di citazioni è coerente con un cognome che termina con la desinenza ACQUA.

Inoltre, come per il “quasi 8” di Harappa, anche la parte della decifrazione del nome di Zodiac relativa alla parola “acqua” è compatibile con la soluzione dell’indovinello della cartolina di Halloween.
Nella prossima immagine, si può osservare la ruota della morte raffigurata sulla copertina di “Tim Holt” n. 30 (in alto, a sinistra) da cui Zodiac ricopiò quasi interamente le iscrizioni sull’ultima pagina della cartolina di Halloween (a destra).
All’interno della ruota, è possibile intravedere una quinta frase, non ricopiata da Zodiac, nascosta parzialmente dalla testa del protagonista del fumetto, Redmask.
La frase è “death by water”, morte per acqua.
La preposizione “by” in inglese viene utilizzata anche per introdurre l’autore di un’opera. “By water” è la vera firma di Zodiac?

Redmask, protagonista dei fumetti di Tim Holt, è condannato alle morti “per corda” e “per acqua” nel numero con la copertina a cui Zodiac si è ispirato nell’Halloween Card

I riferimenti all’acqua dovevano essere molto importanti per Zodiac se, nella sua ultima lettera attribuita del 29 gennaio 1974, invece di firmarsi con il nomignolo citò enigmaticamente un brano su un annegamento tratto dal “The Mikado” di Arthur S. Sullivan e William S. Gilbert[30]:

“Firmato il sinceramente tuo:

Sprofondò nell’onda ondosa
e un’eco emerse
dal sepolcro del suicida

tiwillo titwillo titwillo

Video

Per approfondire la teoria dell’acqua, cliccare qui.


5. Bekim

A questo punto della decifrazione:

  1. Sono state individuate cinque lettere, E, ILAC e una parola chiave, ICE:
  2. Tramite una ricerca nei dati del censimento statunitense del 2010 è stata individuata una lista di soli otto cognomi con la sequenza ILAC;
  3. Si è scoperto che soltanto due di questi cognomi, BEVILACQUA e ILACQUA terminavano con la parola ACQUA, compatibile con il numero di simboli a disposizione e il cui significato era immediatamente collegabile alla sottostante parola chiave ICE e al metodo di decifrazione basato sulla canzone di successo del 1969 dei Fifth Dimension, “Aquarius-Let the sunshine in“. Questa soluzione è coerente inoltre con la “teoria dell’acqua”;
  4. Nettamente più diffuso fra i due cognomi e compatibile anche con la posizione della restante lettera decriptata, la E, è BEVILACQUA, che, se la decifrazione fino a qui è corretta, ha il 90 per cento di probabilità di essere il cognome di Zodiac.

Si constata che non si conosce ancora l’origine della M nel testo cifrato.

Sono stati individuate quattro fonti del codice di Zodiac, il simbolo 8 del musical Hair, l’iscrizione ANETHEKE, i simboli Bhrami MI e YA in una riproduzione di un sigillo di Harappa e la parola latina QUA-NAM.
Le fonti indicano che Zodiac ha una passione per le civiltà antiche e per l’archeologia. Le pubblicazioni da cui ha tratto le parole antiche, infatti, non sono prodotti popolari, ma di nicchia. Si trovano nei settori più polverosi delle vecchie librerie.
D’altronde, l’autore del testo cifrato segue anche gli eventi culturali a lui contemporanei, almeno sui giornali, come dimostrano i riferimenti a Hair e ai Fifth Dimension, nonché il ritaglio dell’indirizzo della cartolina del 5 ottobre 1970, preso dall’inserto culturale del San Francisco Chronicle e dell’Examiner, Datebook (prossima immagine).

Datebook, S.F. Sunday Examiner & Chronicle, 27 settembre 1970. A destra la cartolina di Zodiac leggermente ingrandita

Ci si aspetta dunque che la fonte della M faccia parte di uno di questi due gruppi. Come capire quale? Si tratta di una singola lettera e potrebbe essere stata selezionata da qualsiasi codice o riferimento culturale.
La M, però, dovrebbe anche avere un scopo preciso nel contesto della cifrazione. Ed è quello che bisogna individuare. Per farlo, occorre metterla in relazione con le altre parti del codice.

Dopo qualche prova, si può facilmente osservare che una volta decriptati i simboli , l’inserimento della M genera la sequenza EKIM.

Una ricerca del termine “ekim” nelle edizioni dei quotiani del 1970 sul sito web newspapers.com[31] ha dato come risultato ricorrente il nome “Bekim” dell’attore serbo-albanese Bekim Fehmiu.

Fehmiu era diventato famoso in alcune nazioni europee grazie all’interpretazione di Ulisse nella serie tv italiana “Odissea”, andata in onda per la prima volta sulla RAI nel 1968[32].

Per approfondire l’importanza della figura di Ulisse per la soluzione del caso Zodiac, cliccare qui.

Il film “The Adventurers” con Fehmiu nelle vesti del protagonista, Dax Xenos, e Candice Bergen nel ruolo di moglie[33] era in proiezione al cinema “Alexandria” e in vari altri cinema/drive-in di San Francisco e della Bay Area, prima[34], dopo[35] e durante (prossima immagine) l’invio del messaggio cifrato di Zodiac.

La concomitanza tra le proiezioni del film con Fehmiu a San Francisco e la lettera di Zodiac e l’appartenza di BEKIM a uno dei due gruppi di riferimento già individuati (antiche civiltà/eventi culturali contemporanei) indica che questa potrebbe essere la parola chiave all’origine della M.

Approfondendo la pista “Fehmiu”, si scopre che il terzo risultato del termine di ricerca “Bekim” nelle edizioni dei giornali del 1970 su newspapers.com[36] è un articolo a pagina 10 del San Francisco Examiner firmato da Vernon Scott e risalente a tre mesi e mezzo prima dell’invio del testo cifrato con il nome di Zodiac[37].

10 Milioni di dollari rischiati su uno sconosciuto

L’attore jugoslavo Bekim Fehmiu in ‘the adventurers’
Recita nei panni di un playboy sudamericano nel film tratto dal romanzo di Harold Robbins”

Vernon Scott, San Francisco Examiner, 3 gennaio 1970, p. 10

All’epoca 10 milioni di dollari erano una cifra colossale anche per un film di Hollywood


Sulla stessa pagina (immagine in alto, a destra), oltre alla pubblicità di “Hair”, si notano inserzioni di film di successo come “I am curious”, io sono curiosa, e “Take the money and run”, prendi i soldi e scappa[38] che insieme al titolo dell’articolo richiamano (stranamente?) la frase sotto il testo cifrato.

“Sono moderatamente ceroso [di sapere]
quanti soldi avete sulla mia
testa ora.”

Ora, si svela perché Zodiac abbia utilizzato come parola chiave il nome dell’interprete di Ulisse, inserendo una M dopo la parte di testo cifrato corrispondente ad ANETHEKE.

“Bekim” si ottiene posizionando una B al posto della croce solare

Sostituendo la K con una V, la decifrazione combinata con il sintagma sottostante genera la frase “bevi mildly”, ossia “bevi moderatamente”.

Come pronosticato tramite i dati del censimento americano del 2010, il cognome criptato da Zodiac risulta BEVILACQUA, il primo negli Stati Uniti per numero di individui contenente la sequenza ILAC e la parola ACQUA[39].

La sostituzione M/L è presente anche nella mia decifrazione del codice Mt. Diablo


6. Prendi i soldi e scappa

ANETHEKE, la marca di orologi Zodiac, “Hair”, “Aquarius-Let the sunshine in”, BEKIM Fehmiu, un sigillo di Harappa e QUA-NAM sono le fonti utilizzate Zodiac per la stesura del testo cifrato.

Rimane un interrogativo. Perché Zodiac ha scambiato la N con la E nella parola ANETHEKE?

Le fonti del testo cifrato scoperte finora hanno portato al cognome dell’autore del testo cifrato, di origine italiana, BEVILACQUA. Forse individuando il motivo dello scambio fra N ed E, si potrà individuare anche il significato dei simboli iniziali, AEN.

Le parole più comuni in un vocabolario inglese che iniziano con AEN, come il testo cifrato di Zodiac, sembrano essere l’Eneide, opera del poeta latino Virgilio, e il suo protagonista, Enea[40].

Nel dizionario tascabile di Oxford (1988), solo “Aeneas” e “Aeneid” iniziano con AEN

Questa osservazione e una lettura delle notizie risalenti alla settimana in cui Zodiac uccise il tassista Paul Stine suggerisce che lo scambio di N ed E possa essere tratto da un film a cui il serial killer forse si era già ispirato.
Agli inizi di ottobre 1969, una celebre commedia che aveva esordito a New York in agosto[41] e il cui personaggio principale si chiamava Virgil, come l’autore dell’Eneide, veniva proiettata per la prima volta a San Francisco[42].
Il film si concludeva con questa battuta:

Sai se fuori sta piovendo?[43]

A pronunciarla è il criminale del New Jersey Virgil Starkwell interpretato dal rosso e occhialuto Woody Allen in “Take the money and run”, prendi i soldi e scappa[44]. Il film, interamente girato a San Francisco, venne proiettato in città per la prima volta l’8 ottobre 1969, al Bridge fra Geary e Blake[45], a pochi isolati dal punto in cui Stine fu trovato morto qualche giorno dopo. Nella stessa settimana, anche “I am curious” esordiva al Gateway, mentre “Hair” era in scena al Geary Theatre[46].

L’8 ottobre 1969, Stanley Eichelbaum scrive sul San Francisco Examiner:

“Alla fine, Virgil viene mandato in prigione, dove è abbastanza astuto da intagliare una saponetta a forma di pistola con un aspetto convincente. Poi, il giorno in cui decide di scappare, è colto da un tremendo acquazzone.”

Stanley Eichelbaum, San Francisco Examiner, 8 Ottobre 1969

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è zodiac-killers-name-soap-gun.jpg

La pioggia è una sciagura per il rapinatore interpretato Woody Allen. E per Zodiac? Basta leggere cosa afferma nella sua lettera con il nome cifrato:

“Sono stato sommerso dalla
pioggia che abbiamo avuto poco tempo fa”

A cosa voleva alludere, l’autore della lettera? Forse, ancora una volta, a una chiave del testo cifrato. E non solo.
Nella notte dell’11 ottobre 1969, a Presidio Heights, San Francisco, mentre Zodiac era in procinto di darsi alla fuga, fu visto da tre adolescenti che riuscirono a farne un identikit.
Ecco come appariva.

A sinistra, l’identikit di Zodiac, a destra, Virgil Starkwell (ottobre 1969)

«Non vi rivelerò in cosa consiste il mio travestimento quando uccido»[47]

Zodiac, lettera del 9 novembre 1970

Pubblicità del film “Prendi i soldi e scappa” risalente a pochi giorni prima dell’omicidio

“Woody Allen diventa un prigioniero in catene nella sua nuova commedia “Prendi i soldi e scappa”, prossimamente al Bridge. La maggior parte del film è stata girata nella Bay Area.

S.F. Sunday Examiner and Chronicle, Datebook, 5 ottobre 1969

Sembra abbastanza palese che il travestimento a cui si riferiva Zodiac fosse quello di Virgil Starkwell. D’altronde l’esordio del film a San Francisco era stato ampiamente pubblicizzato nei giorni del delitto Stine, quasi tanto quanto “Hair” e il film “I am curious”.
Che, in quel periodo, Zodiac possa aver partecipato alla vita culturale della città, lo si apprende dal fatto che, il 18 ottobre 1969, dieci giorni dopo il debutto di “Prendi i soldi e scappa” al Bridge, l’operetta “The Mikado” interpretata dai Lamplighters avrebbbe esordito al Presentation Theatre[48].
Zodiac citò la commedia di Gilbert e Sullivan nel 1970[49] e nel 1974, quando, come si è visto, ne utilizzò un brano come firma[50].

Brani tratti dal film “Prendi i soldi e scappa”

Guarda anche il video, cliccando qui.

L’incipit del film è questo: “Il primo dicembre 1935, la signora Starkwell, moglie di un tuttofare del New Jersey, dà alla luce il suo primo e unico figlio. È un maschio e viene chiamato Virgil. È un bambino eccezionalmente tenero, di ottimo carattere. Prima di avere 25 anni, sarà ricercato dalla polizia di sei stati per furto aggravato, rapina a mano armata e possesso illegale di una verruca (sic)”[51].

Virgil (Woody Allen) tenta di fuggire da una prigione con una saponetta a forma di pistola, ma viene catturato non appena inizia a piovere e la pistola si scioglie[52].
Esce di prigione dopo un test su un vaccino e incontra Louise (Janet Margolin).
Segue un brano tratto dal dialogo fra Virgil e Louise.

Virgil: “Lei è un’artista?”
Louise: “No, certamente no. Non sono un’artista.”
Virgil: “No? Bene, che cosa fa?”
Louise: “Sono una lavandaia.”
Virgil: “Lavandaia? Lavanderia?”
Louise: “Sì, lavo (wash N.d.T.) i vestiti in Maryland.”
[53]

Per esaminare i numerosi riferimenti di Zodiac a “wash”, cliccare qui.

Virgil cerca di rapinare una banca, ma commette degli errori di ortografia nel messaggio che consegna al cassiere. Finisce in prigione di nuovo e viene messo a lavorare a sua volta in lavanderia. Spiega a Louise: «E, ah, mi hanno catturato. Ho fatto un errore di ortografia in un messaggio.»
Pochi giorni più tardi riesce a fuggire prendendo un taxi.
Il film si conclude con un’intervista in carcere a Virgil, che intaglia una saponetta. Come già riportato, la battuta finale dell’occhialuto criminale del New Jersey con i capelli rossi è:

“Sono molto abile con le mani… Sai se fuori piove?”[54]

“Prendi i soldi e scappa” non sarà proiettato a San Francisco prima dell’8 ottobre 1969[55]. Le citazioni del film da parte di Zodiac però hanno inizio il 27 settembre, quando al lago Berryessa racconta alle vittime di essere fuggito da prigione[56], lega entrambe con corde stendibiancheria[57] e, dopo averle accoltellate, si reca a Napa, dove chiama la polizia da una cabina telefonica di un autolavaggio[58] vicino a una lavanderia[59].
Per aver visto il film di Woody Allen prima del 27 settembre, il serial killer doveva essere stato a Los Angeles[60] o al di fuori della California[61] nei giorni precedenti.

Come riporta zodiacciphers.com, la cabina telefonica di fronte all’autolavaggio di Napa da cui Zodiac chiamò la polizia, fra Main e Clinton street[62] (vedi Google Maps), era adiacente alla lavanderia “Sam Kee” (immagine in basso)[63]. Questa sembra un’ulteriore allusione a “Prendi i soldi e scappa”.

La lavanderia al 1245 di Main Street, Napa. La cabina telefonica da cui chiamò Zodiac, il 27 settembre 1969, era situata a sinistra, guardando l’edificio.
Foto di G. J. Golik, 1972

Due ulteriori collegamenti fra il lavoro di Woody Allen e la decifrazione

Il 21 settembre 1969, nemmeno una settimana prima dell’attacco al lago Berryessa, il Woody Allen Show vide la compartecipazione di Candice Bergen, moglie di Bekim Fehmiu in “The Adventurers”[64], e dei Fifth Dimension[65].

21.00 – 5 – Speciale: ‘Woody Allen Show’. Il reverendo Billy Graham si unisce a Woody in un confronto domanda-risposta con il pubblico. Candice Bergen recita con Woody nelle prove di una scena di nudo per uno spettacolo di Broadway, in una parodia di un film muto, e come ragazza stupida con un tutor anziano. Canta il gruppo dei Fifth Dimension.

San Francisco Examiner & Chronicle, 21 settembre 1969

Come mai Zodiac avrebbe dovuto citare Woody Allen? Forse per stima. O forse perché la sua prima commedia teatrale rappresentata a Broadway si intitolava: “Don’t drink the water”, non bere l’acqua[66].
Il film tratto da quest’opera esordì al cinema “Alexandria” di San Francisco (lo stesso di “The Adventurers”) nel novembre 1969[67].

Il cinema rende “l’acqua” non potabile

Un film incredibilmente sciocco è stato tratto dalla commedia teatrale di Allen ‘Non bere l’acqua’, che era più fragile della pasta sfoglia ma che almeno conteneva un po’ di spaventoso humour divertente.

Stanley Eichelbaum, San Francisco Examiner, 20 novembre 1969


7. Joe

Appurato che Zodiac potrebbe aver deciso di sostituire ANE di ANETHEKE con AEN per il richiamo al nome Virgil, si può procedere a esaminare i nomi inglesi con tre lettere che hanno una N come seconda lettera o terminano in E.
Lo scambio, infatti, potrebbe essere stato deciso semplicemente per questa ragione.
Secondo nameberry.com , i nomi maschili classici inglesi con una N come seconda lettera sono solo due: Eno ed Enu. Al contrario, molti nomi terminano con E[68].

Lo scambio N/E potrebbe indicare che la N sostituisce una E.

Il sintagma sottostante a questa parte del messaggio cifrato “I am”, io sono, accoppiato con AEN e la E decifrata forma la frase a ferro di cavallo: “I am Enea”, io sono Enea (nota: nel messaggio 340 decifrato nel dicembre 2020, Zodiac utilizzò un sistema di trasposizione basato sulla mossa del cavallo negli scacchi che si avvicinava alla struttura di questa frase).
Enea è la traduzione di Aeneas in italiano[69].

Due lettere devono ancora essere decifrate

La parte finale della decrittazione è suggerita da Zodiac al termine della seconda pagina della lettera, dove ha posizionato l’ultima “I”, cioè “io”, sopra il segno dell’uguale nell’equazione: croce solare = I0 (immagine in basso)[70]. La parola “Io” traduce “I” in italiano[71].

10 o “Io”?

I am Joe – Io sono Joe

La J decifra la A in corrispondenza della parola “I”, io.
Il nome di Zodiac è JOE.
Le sostituzioni O/J e I/O nella mia decrittazione del codice Mt. Diablo suffragano questa conclusione.
Se è stata data un’occhiata alla teoria dell’acqua, si ricorderà inoltre che la cabina del telefono da cui Zodiac chiamò per la prima volta la polizia era situata presso la stazione di servizio Joe’s Union, a Vallejo[72].

Il termine “I”, io, era anche la prima parola criptata nel primo testo cifrato di Zodiac[73], come Bettye Harden, una dei due solutori, aveva intuito, racconta Robert Graysmith in “Zodiac”[74].

“Il giorno successivo, Harden stava per abbandonare la decifrazione, ma non riusciva a convincere Bettye a smettere. Anche se all’epoca non aveva la minima idea di che cosa stesse facendo, continuava a lavorare; alla fine, Harden si unì a lei.
Bettye era dell’opinione che l’omicida fosse talmente egocentrico che avrebbe iniziato con ‘Io’.”

Robert Graysmith, Zodiac, p. 53

“Il codice decifrato da Harden dice: ‘Mi (io N.d.T.) piace uccidere la gente perché è molto divertente è più divertente che uccidere la selvaggina nella foresta perché l’uomo è l’animale più pericoloso di tutti uccidere mi dà l’esperienza più eccitante è anche meglio che fare sesso con una ragazza la parte migliore è che quando morirò rinascerò in paradiso e tutti quelli che ho ucciso diventeranno miei schiavi non vi darò il mio nome perché cerchereste di rallentare o fermare la mia collezione di schiavi per il mio paradiso ebeorietemethhpiti.”

San Francisco Examiner, 10 agosto 1969

Il mio nome è Joe Bevilacqua

Riferimenti


Note

[1] The Oxford paperback dictionary, 1988, p. 12, vedi anche il capitolo “Prendi i soldi e scappa”.

[2] FBI Laboratory, rapporto sui campioni Qc45, Qc46, Qc47, FBI File n. 9-49911, 28 aprile 1970,.

[3] FBI San Francisco, airtel, file 9-49911, 22 gennaio 1970.

[4] Zodiac, Halloween card to Paul Avery, October 27, 1970 (zodiackillerfact.com). Vedi la mia soluzione qui.

[5] Frederic W. Goudy, The Alphabet, 1922, p. 11.

[6] Sunday S.F. Examiner and Chronicle, California Living, settimana del 12 novembre 1967, p. 54. Varie inserzioni della Zodiac come questa vennero pubblicate sui giornali statunitensi nel 1967. Fonte: newspapers.com.

[7] James Whitley, The archaeology of ancient Greece, Cambridge University Press, 2001, pp. 140-141.

[8] Hair, poster, A.C.T.’s Geary Theatre, San Francisco, 1969/1970. Per le pubblicità vedi per esempio i riferimenti delle note 17, 61 e 77.

[9] “5th Dimension gets Grammy”, San Francisco Examiner, 8 maggio 1970, p. 34. Fonte: newspapers.com.

[10] Mary Campbell, AP, “It’s a ripe age for the 5th Dimension”, San Francisco Examiner, 6 giugno 1969 (p. 26).

[11] California Department of Justice, Zodiac Homicides, special report, 1971.

[12] San Francisco Examiner, 11 ottobre 1969, p.10. Altri numerosi riferimenti nelle note successive. Fonte: newspapers.com.

[13] San Francisco Examiner, 24 marzo 1970, p. 24. Fonte: newspapers.com.

[14] San Francisco Examiner, 11 ottobre 1969, p. 10. Fonte: newspapers.com.

[15] “Hunt for nurse at dead end”, San Francisco Examiner, 26 settembre 1970, p. 4.

[16] MClatchy Newspapers Service AP and UPI, “Zodiac’s postcard”, The Sacramento Bee, 27 marzo 1971, p. D2.

[17] Alexander Cunningham, Corpus Inscriptionum Indicarum, Volume I, plate XXVIII.

[18] The Century Dictionary and Cyclopedia, Volume XI, The Century Co., p. 224.

[19] Ibidem, pp. 222-224.

[20] Harper’s Latin dictionary founded on the translation of Freund’s Latin-German lexicon, American Book Company (p. 819).

[21] William Haynes, Chemical trade names and commercial synonyms, 2nd Edition, D. Van Nostrand Co, p. 377.

[22] Andrew Ure et al., Dictionary of Chemistry, Vol. II, Robert Desilver, 1821, “Lac”.

[23] https://en.wikipedia.org/wiki/Sealing_wax.

[24] U.S. Census Bureau, Census 2010, surnames occurring at least 100 times, FILE B.

[25] Ibidem.

[26] Bevilacqua, en.wikipedia.org/wik/Bevilacqua_(surname).

[27] U.S. Census Bureau, Census 2010, surnames occurring at least 100 times, FILE B.

[28] Harper’s Latin dictionary founded on the translation of Freund’s Latin-German lexicon, American Book Company, p. 1505.

[29] Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, Liber XI, paragrafo 137, la.wikisource.org/wiki/Naturalis_Historia/Liber_XI.

[30] Zodiac, lettera al San Francisco Chronicle, 29 gennaio 1974; vedi Francesco Amicone, Soluzione sull’ultima firma di Zodiac, 2020.

[31] newspapers.com/search/#query=EKIM&dr_year=1970-1970.

[32] en.wikipedia.org/Bekim_Fehmiu.

[33] “Three films open this week”, San Francisco Examiner, 23 marzo 1970, p. 40. Fonte: newspapers.com.

[34] San Francisco Examiner, 24 marzo 1970, p.24. Fonte: newspapers.com.

[35] San Francisco Examiner, 21 aprile 1970, p.28. Fonte: newspapers.com.

[36] newspapers.com/search/#query=BEKIM&dr_year=1970-1970.

[37] Vernon Scott, “10 Million risked on an unknown”, San Francisco Examiner, 3 gennaio 1970, p. 10. Fonte: newspapers.com.

[38] Ibidem. Fonte: newspapers.com.

[39]U.S. Census Bureau, Census 2010, surnames occurring at least 100 times, FILE B.

[40] The Oxford paperback dictionary, 1988, p. 12.

[41] Stanley Eichelbaum, “Woody the failure is a film success”, San Francisco Examiner, 8 ottobre 1969, p. 69. Fonte: newspapers.com.

[42] S.F. Sunday Examiner and Chronicle, Datebook 5-11 ottobre 1969, pp. 1 e 13. Fonte: newspapers.com.

[43] Take the money and run, diretto da Woody Allen, ABC, Palomar Pictures International, 1969. Minuto 8.21 del seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=JtbZgnKPEf4.

[44] Ibidem. Vedi anche la trascrizione qui: script-o-rama.com/movie_scripts/t/take-the-money-and-run-script.html.

[45] S.F. Sunday Examiner and Chronicle, Datebook 5-11 ottobre 1969, p. 13. Fonte: newspapers.com.

[46] San Francisco Examiner, 11 ottobre 1969, p. 10, Fonte: newspapers.com.

[47] Zodiac, lettera al San Francisco Chronicle, 9 novembre 1969, p. 1.

[48] S.F. Sunday Examiner and Chronicle, Datebook 5-11 ottobre 1969, p. 6. Fonte: newspapers.com.

[49] Zodiac, lettera al San Francisco Chronicle, 26 luglio 1970.

[50] Zodiac, lettera al San Francisco Chronicle, 29 gennaio 1974. Vedi anche FBI Laboratory, Criptoanalisi sulla lettera del 29 gennaio 1974, FBI File n. 9-49911, 1 marzo 1974.

[51] Take the money and run, diretto da Woody Allen, ABC, Palomar Pictures International, 1969. Minuto 0.10 del seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=JtbZgnKPEf4.

[52] Ibidem. Minuto 1.06 del seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=JtbZgnKPEf4. “Sono stato sommerso dalla pioggia che abbiamo avuto poco tempo fa”, scrive allusivamente Zodiac nella lettera del 20 aprile 1970.

[53] Ibidem. Minuto 2.14 del seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=JtbZgnKPEf4. Si vedano le citazioni del termine “wash”, lavare, di Zodiac e la storia inventata sulla sua evasione che racconta a Brian Hartnell e Cecilia Shepard nel capitolo “L’acqua”.

[54] Ibidem. Minuto 8.24 del seguente video: https://www.youtube.com/watch?v=JtbZgnKPEf4.

[55] San Francisco Sunday Examiner and Chronicle, Datebook, 5-11 ottobre 1969, p. 13. Fonte: newspapers.com.

[56] Dave Smith, “Zodiac Killer, portrait of madness”, Los Angeles Times, 15 ottobre 1969, p. 27. Fonte: newspapers.com.

[57] The Napa Register, 1 ottobre 1969, prima pagina.Fonte: newspapers.com.

[58] L. Pierce Carson, “Manhunt for crazed killer”, The Napa Register, 4 ottobre 1969, p. 3a. Fonte: newspapers.com.

[59] Napa National Register of Historic Places. Link: https://npgallery.nps.gov/NRHP/GetAsset/NRHP/74000540_photos.

[60] Los Angeles Times, 25 agosto 1969, p. 29. Fonte: newspapers.com.

[61] Daily News, 18 agosto 1969, p. 57. Fonte: newspapers.com.

[62] Napa County Sheriff’s Office, Rapporto sull’attacco al Lake Berryessa, 5 ottobre 1969, p. 1. Vedi Google Maps.

[63] Napa National Register of Historic Places. Link: https://npgallery.nps.gov/NRHP/GetAsset/NRHP/74000540_photos.

[64] The Napa Register, 1 ottobre 1969, prima pagina. Fonte: newspapers.com.

[65] San Francisco Sunday Examiner and Chronicle, 21 settembre 1969, p. 5. Fonte: newspapers.com. Per Candice Bergen, vedi anche nota 57.Per i Fifth Dimension, vedi anche il capitolo “Let the sunshine in”.

[66] John Chapman, “Woody Allen farce, ‘Don’t drink the water,’ stirs up laughter”, Daily News, 18 novembre 1966, p. 76. Fonte: newspapers.com.

[67] Stanley Eichelbaum, “Screen renders ‘Water’ non-potable”, San Francisco Examiner, 20 novembre 1969, p. 28. Fonte: newspapers.com.

[68] nameberry.com/baby-names/831/3-letter-boy-names/uniqueameberry.com.

[69] Guglielmo Comelati and John Davenport, Dictionary of the Italian and English Languages, Longman and Co. et al, 1854.

[70] Zodiac, lettera al San Francisco Chronicle, 20 aprile 1970, p. 2.

[71] Collins Italian College Dictionary, 1991, p. 167.

[72] Francesco Amicone, Decifrazione del codice Mt. Diablo, 2020.

[73] Vallejo Police Department, criminal report on the attack at Blue Rock Springs, 1969 (p.13).

[74] “Salinas teacher breaks code on Vallejo murders”, San Francisco Sunday Examiner and Chronicle, 10 agosto 1969, p.24. Fonte: newspapers.com.

[75] Robert Graysmith, Zodiac, Berkley Publishing Group, 1986, edizione 2007, p. 53.

%d bloggers like this: